La grande balla di Berlusconi in Abruzzo. Non consegnamoli anche la Sardegna

Di Carlo Messora.

Cari abruzzesi, che avete cantato felici Meno male che Silvio c’è, il 12 dicembre 2008 a Chieti; che lo avete proclamato Re in casa vostra, facendovi imbonire dalle sue fanfaluche; che avete subito il suo ricatto elettorale, quando vi ha tolto mezzo miliardo di euro promettendovene sedici in cambio del vostro voto…
Cari abruzzesi, oggi il vostro destino si è compiuto. Avete scoperto che la festa a cui credevate di essere stati invitati, altro non era se non un plotone di esecuzione. Volevate ripulire la vostra regione dalla corruzione, e avete scoperto che era Berlusconi a voler ripulire la vostra regione da Voi.

Ecco come il venditore di pentole e pignatte elettorali vi ha convinto a firmare le cambiali più lunghe della vostra vita, in cambio di una colossale fregatura.

«Il programma per l’Abruzzo lo conoscete. Il Governo sarà vicino a Gianni e alla sua squadra di governo della regione. E qui, noi garantiamo anche che nel rilancio delle infrastrutture, a cui daremo vita a partire dal giorno 18 prossimo, in cui approveremo, nel Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica, il CIPE, 16 miliardi e 600 milioni di euro destinati tutti alla realizzazione di infrastrutture, e fra queste infrastrutture ci saranno le infrastrutture di cui avete bisogno, le opere manutentive di cui avete bisogno, ci sarà la velocizzazione della Pescara – Roma con il raddoppio di alcune situazioni di questa linea.» [Silvio Berlusconi, Chieti, 12 dicembre 2008]

Il C.I.P.E., il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica, si è riunito come previsto il 18 dicembre 2008, quindi sei giorni dopo le dichiarazioni di Silvio Berlusconi a Chieti. Nel verbale che riporta gli esiti della seduta si apprende che ha stanziato 7,3 miliardi di euro per le infrastrutture, non sedici!
Ci sono fondi per la Calabria, fondi per le aree montane, fondi per la tratta autostradale tirrenica Rosignano – Civitavecchia, fondi per il sistema MOSE di Venezia. Perfino la Moratti è venuta giù a chiedere dei soldi per l’Expo di Milano.

Non figura da nessuna parte la velocizzazione della Pescara – Roma.
Di più, non c’è un solo euro per l’Abruzzo!

Cari abruzzesi, Berlusconi vi ha raccontato una balla, vi ha preso in giro, vi ha tradito. Adesso non importa che abbiate votato a destra, a sinistra o che non abbiate votato affatto: dovete chiedergliene conto.
Io lo sto facendo. La rete non perdona.

Cari abruzzesi, anzi cari italiani, la prossima volta che dovete prendere una decisione così importante, spegnete la televisione. Accendete internet!

Fuori Berlusconi dalla Sardegna: sappiamo decidere da soli!

soruL’uomo più ricco d’Italia spende un mare di soldi pubblici, nostri per una guerra elettorale privata a Soru: plateale abuso di potere.

di Giorgio Melis

«Non è indecente e oltraggioso che l’uomo più ricco d’Italia faccia pagare ai contribuenti, in questo momento di drammatica recessione, una tassa arbitraria per gli eccessi e gli interessi di una personalissima campagna elettorale in una Regione di un milione 600mila abitanti rispetto ai 60 dell’Italia? Perché nessuno, e neanche tra voi sardi, denuncia lo scandalo? Diventerà sempre più clamoroso via via che Berlusconi manterrà l’impegno di andare in Sardegna nove volte per attaccare Soru, anziché lasciare che voi sardi decidiate in santa pace chi volete che vi governi. Avete ancora il complesso dei colonizzati, se accettate una così incredibile interferenza nelle cose vostre. Stando anche zitti sullo spreco di soldi pubblici che viene fatto in vostro nome, non certo per i vostri e nostri interessi. I tagli alla spesa pubblica e sociale incidono ogni giorno di più sulla vita dei cittadini meno abbienti, sui servizi prestati alle fasce più deboli.Come si può accettare che il presidente del Consiglio spenda tanti soldi pubblici, con aerei di Stato, mobilitazione di forze dell’ordine, spese straordinarie per la sicurezza non in una accettabile sortita ma addirittura nove, per una guerra privata contro il governatore di una Regione importante quanto si vuole ma periferica, dove certo non si giocano le sorti dell’Italia ma solo le scelte elettorali della sua autonomia?». Read the rest of this entry »

Non sono fotografie di guerra ma di un MASSACRO

Niente puà giustificare la morte di 300 bambini innocenti, colpevoli solo di essere nati in un posto sbagliato al momento sbagliato. Quelle che seguono non sono foto di una guerra ma di un massacro, compiuto senza pietà e con cinismo, che alimentano odio e uccidono ogni speranza di pace. Non si può essere colpevole di essere “bambini palestinesi”, perchè questo ricorda qualcosa di funesto nel nostro passato. Un qualcosa che noi tutti vorremmo per sempre dimenticare. Niente potrà mai giustificare questi massacri, per quanto Claudio Pagliara e il ministro degli esteri si sforzino di giustificare il massacro come risposta al lancio di razzi Qassam. Questi bambini sono vittime di un massacro perpetrato da Israele. Punto. gaza31

child

mothers-kiss

Notizie che Claudio Pagliara (inviato RAI) non dirà.

gaza_1_resizeRiprendo dal sito di Repubblica alcuni “Ultim’ora” che Claudio Pagliara eviterà bene di dire in televisione e il nostro pessimo ministro degli affari esteri Frattini rifiuterà di commentare. Su queste notizie non si può tacere, a meno di essere in assoluta malafede. Nessuno qui difende Hamas: ma un milione e mezzo di persone vivono in prigione, come in un campo di concentramento, senza cibo e medicine. E questo, caro Claudio Pagliara, non succede da quando Israele ha cominciato a bombardare su larga scala, ma da quasi due anni. È questo che da forza agli estremisti. Il 70% di disoccupati, persone che per mangiare deve aspettare gli aiuti della comunità internazionale che Israele blocca, nessuno può uscire da quella prigione, ogni tanto qualche bomba qua e là. Poi ci si sorprende se alla tracotanza si risponde con arroganza, se alla violenza si risponde con violenza. Ci si sorprende. E poi sentiamo Claudio Pagliara che dice, la colpa è di Hamas. Vergogna. Hamas ha le sue colpe, ma non si può dimenticare le colpe di Israele e non si può far finta di non vedere che a Gaza vivono un milione e mezzo di persone come in un campo di concentramento. Non si può. A meno di essere in malafede o faziosi. Esattamente l’opposto di quanto la deontologia professionale del giornalista richiede.

16:49 Unrwa: “La crisi peggiora di ora in ora”

La pausa di tre ore nei combattimenti e’ ”insufficiente” e la crisi umanitaria nella Striscia di Gaza peggiora ”di ora in ora”. E’ quanto ha denunciato il portavoce dell’Unrwa, l’Agenzie delle Nazioni Unite per i profughi palestinesi. Christopher Gunness ha precisato che gli 1,5 milioni di abitanti del territorio sono in una situazione ”critica”. Il portavoce dell’agenzia dell’Onu ha sottolineato che le riserve di cibo bastano solo per qualche giorno, specialmente dopo la chiusura del valico di Karni tra Israele e la Striscia di Gaza, abitualmente utilizzato per le consegne alimentari.

16:09 Croce Rossa: Israele ha violato il diritto umanitario internazionale

La Croce Rossa internazionale (Cicr) ha oggi accusato le forze israeliane a di avere ritardato l’accesso ai feriti in un quartiere di Gaza, tra cui quattro bambini che per quattro giorni sono rimasti in casa senza cibo e acqua accanto al cadavere della madre. Il Cicr sostiene che le forze israeliane rallentano i soccorsi e impediscono alle ambulanze di evacuare i feriti dalle zone colpite. “Quanto è accaduto è semplicemente scioccante”, ha detto il responsabile del Cicr in Israele, Pierre Wettach. Le aumbulanze, ha aggiunto, sono state autorizzate a intervenire solo mercoledi, ossia quattro giorni dopo l’inizio dell’offensiva terrestre. “I militari israeliani dovevano sapere bene qual era la situazione ma non hanno fatto niente per soccorrere i feriti”, ha proseguito Wettach. In un duro comunicato diffuso oggi a Ginevra, il Cicr sostiene che “in questa circostanza gli israeliani non hanno fatto fronte ai loro obblighi in base al diritto umanitario internazionale”. Read the rest of this entry »

Claudio Pagliara e l’informazione Rai sulla guerra a Gaza

gaza-shellingLa Striscia di Gaza è occupata da 41 anni: la colpa è di Hamas (nata nel 1987).

Israele non rispetta da tempo le risoluzioni dell’ONU: la colpa è di Hamas.

Israele tiene da 19 mesi un milione e mezzo di persone nella Striscia di Gaza, come fossero in una prigione a cielo aperto, continuando a bombardare e uccidere civili e miliziani: la colpa è di Hamas.

Israele da 12 giorni bombarda indiscriminatamente civili e militanti, donne e bambini, scuole e ospedali, infrastrutture civili e depositi militari: la colpa è di Hamas.

Israele bombarda ospedali, famiglie, bambini (più di 100 quelli già morti in poco più di dieci giorni): la colpa è di Hamas.

Israele bombarda le scuole dell’ONU ben segnalate e riconoscibili, con decine e decine di bambini e donne: la colpa è Hamas.

Israele non fa entrare nella Striscia di Gaza medicinali, viveri: la colpa è di Hamas.

Israele usa fosforo bianco, un’arma letale vietata dalla convenzione di Ginevra, dentro i centri abitati: la colpa è di Hamas.

Decine di migliaia di bambini sono sotto choc, tramautizzati, per sempre psicologicamente compromessi: la colpa è di Hamas.

Tre ospedali mobili di una ONG danese vengono bombardatati: la colpa è di Hamas.

A sentire “l’imparziale” inviato Rai Claudio Pagliara, tutto è colpa di Hamas.

Israele dice di non trattare con i terroristi di Hamas: guardate una nota terrorista di Hamas. Ha ragione Pagliara: la colpa è di Hamas.

estremista-di-hamas-con-questa-gente-non

Questo è lo stato dell’informazione italiana. Questa bambina non ha nessuna colpa. Questa bambina, anche se palestinese, è una vittima innocente di un bombardamento barbaro. Vi prego guardatela negli occhi e pensate: e se fosse mia figlia? E se fosse vostra figlia?

Meno male abbiamo un “imparziale” ministro degli esteri, probabilmente il peggiore che la repubblica italiana abbia mai conosciuto, Franco Frattini, che chiede agli amici israeliani di bloccare l’offensiva militare.  Sicuramente lo ascolteranno, lui che è così autorevole. D’altronde aveva assicurato qualche giorno fa che Israele non avrebbe mai invaso, via terra la Striscia di Gaza.  Dopo due giorni è stato smentito.

Una domanda nasce spontanea: questo bombardamento di civili inermi, queste centinaia di bambini uccisi, aiuteranno la formazione di quella cultura della pace, fondamentale tanto per Israele quanto per la Palestina? Questi indiscriminati bombardamenti piegheranno Hamas o gli daranno più forza?

Una cosa per ora è certa: si tratta di crimini contro l’umanità, anche se Claudio Pagliara dirà: è colpa di Hamas.

%d bloggers like this: