Self-help: adolescenti e social network

Come gli adolescenti usano Internet e i Social Network? Quali differenze rispetto all’uso dei media “tradizionali”, come televisione e radio? Per cercare di dare una risposta, seppur parziale, a queste domande, è stata portata avanti una ricerca con gli studenti delle scuole medie della città di Sassari, di età compresa dagli 11 ai 14 anni. Il questionario è stato compilato da 517 studenti (di cui 10 sono stati scartati perché inattendibili o incompleti). I dati che qui di seguito si riportano sono i primi parziali risultati di questa ricerca.

Read the rest of this entry »

Advertisements

Crisis y dictadura financiera, ¿por qué no se hace la revolución?

de Massimo Ragnedda ¿Por qué no nos rebelamos contra la dictadura financiera? ¿Por qué no se hace la revolución? En los años Sesenta la plaza se llenaba por mucho menos y se pedía a gritos un cambio radical del sistema, una revolución. Ahora se calla. Contemplamos impasibles, desmotivados, sin energía el lento fluir de los acontecimientos. Se asiste como espectadores impasibles a una tragedia que nos concierne: desocupación por las nubes, despidos en masa, precariedad de por vida. Nos quitan los derechos esenciales y las grandes conquistas sociales obtenidas tras años de lucha: el derecho al trabajo, el derecho a la sanidad y el derecho al estudio. Todos cuestionados porque existe la crisis, fácil pretexto para canalizar recursos públicos en manos de pocos, de la élite económica que gobierna el mundo. Aumenta la diferencia entre ricos y pobres, así como la desigualdad social entre el que tiene y el que nunca tendrá. Nos han robado el futuro, la esperanza y las ganas de soñar un futuro mejor. La crisis se convierte en un mantra para explicar el saqueo de nuestros recursos y de nuestros derechos.

Read the rest of this entry »

Crisi e dittatura della finanza, perché non si fa la rivoluzione?

di Massimo Ragnedda (Tiscali). Perché non ci si ribella contro la dittatura della finanza? Perché non si fa la rivoluzione? Negli anni Sessanta si scendeva in piazza per molto meno e si chiedeva a gran voce un cambiamento radicale del sistema, una rivoluzione appunto. Ora si tace. Si guarda impassibili, demotivati, senza energia il lento defluire degli eventi. Si assiste come spettatori impassibili dinanzi ad una tragedia che ci coinvolge: disoccupazione alle stelle, licenziamenti di massa, precariato a vita. Ci tolgono i diritti essenziali e le grandi conquiste sociali ottenute dopo una stagione di lotta: il diritto al lavoro, il diritto alla sanità e il diritto allo studio. Tutto questo è messo in discussione perché c’è la crisi, facile pretesto per convogliare risorse pubbliche nella mani dei pochi, dell’élite economica che governa il mondo. Aumenta il gap tra ricchi e poveri e aumenta la disuguaglianza sociale tra chi ha e chi mai avrà. Ci hanno rubato il futuro, la speranza e la voglia di sognare un futuro migliore. C’è la crisi: un mantra per spiegare la rapina delle nostre risorse e dei nostri diritti.

Living in Surveillance Society. Sassari 27 July 2012

Venerdì 27 Luglio 2012, il Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Sassari ospita, il seminario internazionale “Living in Surveillance Society“. L’incontro, organizzato da Massimo Ragnedda dell’Università di Sassari in collaborazione con il gruppo di ricerca internazionale Living in Surveillance Societies finanziato dal COST (European Cooperation in Science and Technology) con l’indirizzo in Scienze della Governance e dei Sistemi Complessi della Scuola di Dottorato in Scienze Sociali dell’Università di Sassari, vede la partecipazione di professori e studiosi inglesi, israeliani, olandesi, belgi, spagnoli e italiani. All’interno del seminario interverranno i corsisti del Dottorato che discuteranno i loro papers coordinati da Prof. Clive Norris, direttore del Dipartimento di Sociologia dell’Università di Sheffield (UK). Read the rest of this entry »

Incompetenti o in mala fede? Il fallimento del governo Monti

Massimo Ragnedda (Tiscali) Non prendiamoci in giro e parliamoci chiaro: il governo Monti è un disastro totale. E lo dico sulla base dei dati, come si dovrebbe cercare di fare. Solo La 7 di Mentana lo difende a spada tratta, come Fede faceva con Berlusconi, con buona pace dell’obiettività giornalistica. Ci sono dati che non si possono nascondere e di questo parlerò. Il resto è mera propaganda e faziosità giornalistica, quel male incurabile che ha tenuto in piedi B. per quasi 20 anni. Per valutare il governo Monti, dopo quasi 9 mesi di mandato, mi si consenta una metafora: se chiamo un tecnico per ripararmi un tubo che perde acqua e dopo il suo costosissimo intervento il tubo non solo continua a perdere, ma il buco si è trasformato in una voragine, devo prendere atto che il tecnico è un incompetente. ovvero incapace, a causa dell’impreparazione o dell’inesperienza, a svolgere bene la propria attività. A meno che, mi si consenta il dubbio malizioso, la voragine non sia stata volutamente creata per spillarmi un altro po’ di quattrini ed allora in questo caso il tecnico è in malafede: valutate voi. Fuor di metafora: a Novembre 2011, il governo tecnico di Mario Monti è stato “chiamato” con un mandato preciso: ridurre lo spread, ridurre il debito pubblico e generare crescita. Ora possiamo tirare le somme. Read the rest of this entry »

%d bloggers like this: