In Siria i ribelli laici non esistono più. Al Qaeda ha preso il loro posto

syriaL’Occidente, nel nome della Realpolitik, ha accettato l’idea che la soluzione migliore per la Siria, e per il mondo occidentale, sia ancora Assad. Questo non significa che Assad sia un santo o che all’improvviso sia diventato un presidente democratico, ma semplicemente che Assad è il male minore. D’altronde l’Occidente accetta e sostiene dittature molto più feroci e temibili di quella siriana: penso alle petromonarchie e in particolare all’Arabia Saudita, senza ombra di dubbio una delle società più chiuse e antidemocratiche al mondo. In Siria l’opposizione laica non esiste quasi più, il Comandante dell’Esercito libero siriano, il generale Salim Idris, è fuggito dopo che gli integralisti islamici hanno preso il controllo delle sue basi ai confini della Turchia, e sul campo di battaglia ci sono quasi esclusivamente miliziani islamici giunti da tutto il mondo per combattere la loro guerra santa. Guerra santa che niente ha a che fare con la giusta battaglia per la libertà e per i diritti per i quali, all’inizio, i ribelli lottavano. I fondamentalisti sunniti che combattono in Siria, lottano con l’obiettivo di trasformare la Siria in un califfato. Combattono una guerra confessionale per arginare l’ascesa dello sciismo iraniano e contenere l’influenza di Teheran in Medio Oriente. Perché in fondo la vera battaglia è quella. Il regime saudita usa tutta la sua influenza politica, economica e militare per arginare l’Iran, paese di ben altro calibro intellettuale, culturale e sociale. La cultura millenaria persiana non è nemmeno lontanamente paragonabile a quel tribale e medioevale paese che è l’Arabia Saudita e l’Occidente dovrebbe avere il coraggio di aprirsi un po’ di più all’Iran e chiudersi, invece, all’Arabia Saudita. Read the rest of this entry »

Il disagio sociale aumenta e ora qualcuno prova a strumentalizzarlo

Protesta dei Forconi a TorinoMassimo Ragnedda (Tiscali). Riporto alcuni dati dell’ultimo rapporto Censis che fotografano, in maniera spietata, l’Italia degli ultimi anni. Uno spaccato della nostra società sul quale è necessario fare delle serie riflessioni. È necessario fermarsi un attimo e porci delle domande per vedere il malcontento generale, il disagio sociale e la rabbia che cova. È necessario riflettere su questi dati per capire quanto sia facile e pericoloso, in questo frangente storico, strumentalizzare il malcontento e trasformarlo in azione. Il primo dato preoccupante si riferisce al risparmio delle famiglie italiane. L’Italia, da sempre considerata terra di risparmiatori, non riesce più a mettere da parte soldi che possono essere utili in caso di necessità: dal 2007 al 2012 il risparmio netto annuo per famiglia è passato da 4.000 euro a 1.300 euro. Una caduta verticale che ci deve far interrogare sul potere di acquisto delle famiglie, sempre più ridotto, e sulla capacità di far fronte a spese impreviste. La capacità di risparmiare, come è facile immaginare, incide anche sul mercato immobiliare. Non è un caso infatti che nello stesso periodo le compravendite di case siano crollate del 45%, con tutte le conseguenze a catena che questo comporta. Read the rest of this entry »

Mandela, che ipocrisia: sino a 5 anni fa per gli USA era un terrorista

mandelaMassimo Ragnedda (Tiscali) Quanta ipocrisia sulla morte di Nelson Mandela. Messaggi di cordoglio da tutto il mondo, capi di Stato e comuni cittadini di ogni angolo del pianeta uniti nel dolore e nel ricordare uno degli ultimi grandi personaggi del ‘900. Mandela messaggero di pace; Mandela idolo della lotta alla libertà; Mandela uomo di speranza. Dall’Inghilterra agli USA, dall’Italia alla Francia, tutti in fila per esprimere il proprio cordoglio ad un uomo che ha trascorso 27 anni della sua vita in carcere per combattere contro l’Apartheid. Un uomo che, però, sino a qualche anno fa era ancora nella lista nera dei terroristi stilata dagli Stati Uniti. D’altronde, se ha trascorso quasi 27 anni in carcere è per aver combattuto contro un sistema, quello dell’Apartheid, imposto e difeso dalle potenze coloniali occidentali. D’altronde, se è stato catturato, è stato grazie al ruolo della CIA che ha aiutato la polizia sudafricana ad arrestare il terrorista Mandela. La Thatcher, ex primo ministro inglese, aveva più volte ritenuto Mandela un terrorista, esattamente come fece Reagan, ex presidente americano, che in più occasioni aveva definito Mandela un pericoloso terrorista. E per giunta comunista. Ma gli Stati Uniti hanno fatto molto peggio: hanno inserito Mandela e gli altri membri dell’ANC (African National Congress) nella lista nera americana dei terroristi. E la cosa assurda è che Mandela è rimasto in quella lista sino al 2008, ovvero sino a cinque anni fa, nonostante avesse nel frattempo vinto il premio Nobel per la pace e nonostante avesse avuto centinaia di premi e riconoscimenti internazionali. Mandela era dunque, per gli Stati Uniti e l’Inghilterra, un pericoloso terrorista.

Read the rest of this entry »

%d bloggers like this: