La scacchiera ucraina. Gli interessi russi e statunitensi si confrontano con le armi

148084070_Ukraine_526535cMassimo Ragnedda (Tiscali) Hunter Biden, figlio dell’attuale vicepresidente USA, si è insediato assieme a Kwaśniewski, ex presidente della Polonia, nel consiglio di amministrazione della Burisma, la più importante compagnia ucraina di estrazione del gas. Ora chiedetevi: perché Stati Uniti e Polonia finanziano, proteggono e supportano il governo golpista ucraino? La Burisma contrasta la posizione dominante di Gazprom, la più importante compagnia russa e base della nuova russia putiniana. Ora chiedetevi: perché Putin sostiene i ribelli filo russi ucraini?

Read the rest of this entry »

Social Stratification and digital divide: a weberian approach, ICA Conference, Seattle, May 22

10275913_10202972766658200_269911236789919864_n“Communication and ‘The Good Life’ Around the World After Two Decades of the Digital Divide

 Preconference E-Book, Social stratification and digital divide: a weberian approach

Massimo Ragnedda and Glenn W. Muschert. 

Defined as stratification in the access to- and use of the Internet, the so-called digital divide is inevitably tied with the concept of social inequalities. Systems of structured inequalities exist in every example of human society. That is, each society exhibits inequalities among individuals and groups, and as these are the sedimentation of social history, this give rise to social strata in the practice of social relations, notably regarding access to social rewards such as money, prestige and power.

Read the rest of this entry »

Procurad’e moderare Barones, sa tirannia” (moderata la vostra tirannia)

stop-the-corruptMassimo Ragnedda (Tiscali) Povera Italia come ti sei ridotta. Un paese senza speranza, senza futuro, mangiato dalla corruzione (da EXPO all’Università), dalla Mafia (vedi Dell’Utri che ha addirittura fondato un partito che ha guidato l’Italia per 20 anni), dalla truffa (vedi Berlusconi), dalle tangenti (dalla Finmeccanica alla Tav) e da una classe politica incompetente e in malafeda (vitalizi da 5000 euro al mese dopo appena 5 anni di legislatura, come nel caso della Regione Sardegna). Da questo si fugge. Si fugge da questa prepotenza, da questa vergognosa gestione della cosa pubblica, da questo senso di impunità e tracotanza. “Zente cunsizzada male Iscurtade sa ‘oghe mia: Procurad’e moderare Barones, sa tirannia” (Gente consigliata male ascoltate la mia voce: moderata la vostra tirannia).

Read the rest of this entry »

In Italia un bambino su tre è a rischio povertà

povero.jpg_415368877Massimo Ragnedda (Tiscali) Secondo l’ultimo rapporto di Save the Children in Europa ben 27 milioni i bambini sono a rischio povertà o esclusione sociale. Il dato è ancora più preoccupante se consideriamo che dal 2011 al 2012 il loro numero è aumentato di mezzo milione. In un solo anno, dunque, 500 mila nuovi bambini si sono affacciati sulla soglia della povertà. Nella ricca Europa, intendo. Ma il dato più allarmante riguarda l’Italia. Sempre secondo il rapporto “Povertà ed esclusione sociale minorile in Europa – in gioco i diritti dei bambini” pubblicato lo scorso 15 Aprile da parte di Save the Children, la percentuale dei minori a rischio povertà o esclusione sociale raggiunge il 33,8%.

Read the rest of this entry »

Odessa: strage nazista che l’Occidente non vuole vedere

odessaMassimo Ragnedda (Tiscali) Non si sa quante persone siano morte ad Odessa. Quello che si sa è che decine e decine di persone (ma probabilmente molte di più) sono state arse vive dai nazisti ucraini. Scappavano, i filorussi, inseguiti dai militanti di Pravy Sektor (l’estrema destra di Kiev) e dall’esercito ucraino. Alcuni sono stati uccisi per strada, altri hanno trovato riparo nella casa dei sindacati. Si sentivano protetti lì dentro. Non sapevano che c’era l’inferno ad attenderli. Secondo diverse testimonianze e come dimostrano diversi video postati su youtube, i nazisti ucraini hanno prima bloccato le porte e poi lanciato le bombe molotov all’interno. Una strage. Uomini, donne e bambini arsi vivi. Chi, per scappare al fuoco, si lanciava dalla finestra è stato linciato dai nazisti. Una cosa racappricciante, da far accapponare la pelle.  Ma sedevano dalla parte del torto, secondo i media occidentali, e così questo crimine contro l’umanità è stato subito bollato come incidente. Liquidato come un qualcosa di passeggero, di secondario e non degno di attenzione. Decine di persone arse vive dalla furia nazista e si parla di incidente. L’Unità ha fatto di meglio: è riuscita a dare la colpa ai separatisti filo russi.

Read the rest of this entry »

%d bloggers like this: