Mandela, che ipocrisia: sino a 5 anni fa per gli USA era un terrorista

mandelaMassimo Ragnedda (Tiscali) Quanta ipocrisia sulla morte di Nelson Mandela. Messaggi di cordoglio da tutto il mondo, capi di Stato e comuni cittadini di ogni angolo del pianeta uniti nel dolore e nel ricordare uno degli ultimi grandi personaggi del ‘900. Mandela messaggero di pace; Mandela idolo della lotta alla libertà; Mandela uomo di speranza. Dall’Inghilterra agli USA, dall’Italia alla Francia, tutti in fila per esprimere il proprio cordoglio ad un uomo che ha trascorso 27 anni della sua vita in carcere per combattere contro l’Apartheid. Un uomo che, però, sino a qualche anno fa era ancora nella lista nera dei terroristi stilata dagli Stati Uniti. D’altronde, se ha trascorso quasi 27 anni in carcere è per aver combattuto contro un sistema, quello dell’Apartheid, imposto e difeso dalle potenze coloniali occidentali. D’altronde, se è stato catturato, è stato grazie al ruolo della CIA che ha aiutato la polizia sudafricana ad arrestare il terrorista Mandela. La Thatcher, ex primo ministro inglese, aveva più volte ritenuto Mandela un terrorista, esattamente come fece Reagan, ex presidente americano, che in più occasioni aveva definito Mandela un pericoloso terrorista. E per giunta comunista. Ma gli Stati Uniti hanno fatto molto peggio: hanno inserito Mandela e gli altri membri dell’ANC (African National Congress) nella lista nera americana dei terroristi. E la cosa assurda è che Mandela è rimasto in quella lista sino al 2008, ovvero sino a cinque anni fa, nonostante avesse nel frattempo vinto il premio Nobel per la pace e nonostante avesse avuto centinaia di premi e riconoscimenti internazionali. Mandela era dunque, per gli Stati Uniti e l’Inghilterra, un pericoloso terrorista.

Continue reading “Mandela, che ipocrisia: sino a 5 anni fa per gli USA era un terrorista”

Advertisement