Social Networks and the Protection of Personal Information. When Privacy Is Not Perceived As a Right

ZIE54DAMassimo Ragnedda, Social Networks and the Protection of Personal Information. When Privacy Is Not Perceived As a Right, Monograph, Privacy and new Technologies, International Federation for Information Processing, 2013

Abstract. On Social Networking Sites (SNS), users freely and without anxiety give sensitive and private data about which they might previously have jealously guarded. The research that I conducted at the University of Sassari (n = 1047), suggests that students have a different approach to the protection of Personal Information: lascivious online and protectionist offline. Students seem to underestimate the risk of posting data because they are unaware of the phenomenon of dataveillance. In fact, 86% said that the main visitors of their personal profile are friends, so they do not worry about data because they have nothing to hide from friends. This makes the perception of SNS more familiar and intimate and lowers social and cultural defenses against the possible intrusion of strangers in their digital world. Only 29.4% said that they often or always heed the privacy policy before registering for a site, and 54% never or rarely read the privacy policy. The role of marketing agencies that scan, match and connect data of individual users with the goal of building an accurate e-profile profile of individual users, seems not be perceived by the students. In fact only 3% imagine that those who visit personal profiles are strangers.

Advertisement

Living in Surveillance Society. Sassari 27 July 2012

Venerdì 27 Luglio 2012, il Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Sassari ospita, il seminario internazionale “Living in Surveillance Society“. L’incontro, organizzato da Massimo Ragnedda dell’Università di Sassari in collaborazione con il gruppo di ricerca internazionale Living in Surveillance Societies finanziato dal COST (European Cooperation in Science and Technology) con l’indirizzo in Scienze della Governance e dei Sistemi Complessi della Scuola di Dottorato in Scienze Sociali dell’Università di Sassari, vede la partecipazione di professori e studiosi inglesi, israeliani, olandesi, belgi, spagnoli e italiani. All’interno del seminario interverranno i corsisti del Dottorato che discuteranno i loro papers coordinati da Prof. Clive Norris, direttore del Dipartimento di Sociologia dell’Università di Sheffield (UK). Continue reading “Living in Surveillance Society. Sassari 27 July 2012”

Dataveillance and e-surveillance. A critical case study of the usage of Social Netwroking Sites by students in Sassari

Abstract for the forthcoming conference in Barcelona 29 May – 1st June 2012

The paper presents some theoretical considerations arise from empirical research conducted on the students from the University of Sassari, Italy (n: 1047). Students have little knowledge about the laws in Italy that regulate surveillance and they underestimate the extent of dataveillance and e-surveillance. Some interesting findings include: only 30.9% of respondents were aware that Facebook is always allowed to collect and store data on their information behaviour (meaning that around 70% didn’t know) and only 23.9% knew that Facebook is allowed to reuse and resell personal data (so more than 3 out of 4 students didn’t know). However, half of respondents agreed or strongly agreed that private firms have strong interests in gathering the personal data of Internet users. Furthermore, 58.5% knew that the advertising clients of Facebook are allowed to gather data on users’ information consumption. In considering this date within a wider framework of data surveillance, this paper also explores the connexions between such attitudes and knowledge of and attitudes towards surveillance by social networking sites.

Dal Grande Fratello di Orwell alla Società Postpanottica. Intervista a Massimo Ragnedda

Intervista di Antonio Migliorino su Controcampus. L’epoca attuale è segnata dal declino delle istituzioni. Il tramonto della modernità, intesa come società delle istituzioni, apre le porte al nuovo pensiero postmoderno. Il nucleo nevralgico di questa, discendente e decadente, parabola della civiltà umana, alberga nel controllo sociale.L’uomo moderno non è più libero nè di sognare, né di volere. Le sue scelte sono condizionate, nel bene e nel male, dalle nuove tecnologie. I sogni, le emozioni e i desideri traggono origine da un’unica ed edulcorante fonte di saggezza: i mass media. Col tempo, però, i sogni tendono a divenire sterili, seriali e meccanicamente prestabiliti, quindi a smarrire ogni traccia d’originalità. Questo ritmo triadico caratterizzato da controllo sociale, postmodernità e mass media, si ripercuote sull’umanità, la quale, ingannata da un mondo vuoto ed ipnotico, sprofonda nel baratro dell’omologazione.

Spinti dal desiderio di comprendere al meglio queste nuove dinamiche socio culturali, abbiamo deciso d’intervistare il Prof . Massimo Ragnedda, docente di Sociologia dei processi culturali e comunicazione sociale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Sassari.

Continue reading “Dal Grande Fratello di Orwell alla Società Postpanottica. Intervista a Massimo Ragnedda”

Social control and surveillance in the society of consumers

Massimo RagneddaSocial control and surveillance in the society of consumers, International Journal of Sociology and Anthropology Vol. 3(6), pp.180–188, June 2011, ISSN 2006-988x ©2011 Academic Journals .

Abstract:  The new Information and Communication Technologies (ICTs) introduced a highly automated and much cheaper systematic observation of personal data. ICTs advance the intensification and the extension of surveillance, such that an expanding quantity of data can now be collected, tabulated and cross-referenced more rapidly and more accurately than old paper files. This process contributes to the building a “new electronic cage” constraining the individual, on the basis of his e-profile and data-matching. Especially two agents of surveillance are interested in collecting and using such data: government authorities and private corporations. Massive stores of personal data held on ordinary people are now vital to both public services and private business purposes. The new electronic cage is more all-encompassing and complete, being able to produce a complete profile of citizens and consumers in real time. Both public and private information agencies rely on one another for creating and modelling the profiles of good citizens/consumers who, by definition, are well integrated into social life, exhibiting predictable behaviour that conforms to the general needs of contemporary consumer/ oriented social relations. The underlying assumption under girding the public/private exchange of personal data, the idea is that a good consumer is also a good citizen, and vice versa.


Full text here: 

Book Review: Schools under Surveillance: Cultures of Control in Public Education.

Ragnedda, Massimo. 2010. Review of Monahan and Torres’ (eds.) Schools Under Surveillance. Cultures of Control in Public Education. New Brunswick: Rutgers University Press, in Surveillance & Society 7(3/4): 356-7. http://www.surveillance-and-society.org | ISSN: 1477-7487

School safety is of concern to the American public in general. Parents, students, teachers and staff want safe places where they and their children can study and work. Schools under Surveillance sheds light on the complexities of the culture of control in the public education system. Editors Monahan and Torres have collected thirteen essays from researchers studying surveillance and discipline in contemporary public schools in North America, mostly in the US, offering a brilliant guide to this topic. The contributors are American academics with different disciplinary backgrounds. The topics they address are wideranging, and include privacy and human rights issues, the cultural politics of race in urban education, new disciplinary orders in the carceral school and the security cultures and everyday resistance to school surveillance. Overall, the book presents a pragmatic and multi-disciplinary approach to the issue of surveillance and discipline in contemporary public schools. This volume’s interdisciplinarity makes the collection a provocative and stimulating reflection on cultures of control but also provides a brilliant overview of creative forms of resistance. Public schools, in particular in the US, are now among the most surveilled spaces, but perhaps because of this, are also creative spaces for resisting surveillance mechanisms. Teachers and students resist in different ways and not just through acts of sabotage but also through forms of artistic performance. Continue reading “Book Review: Schools under Surveillance: Cultures of Control in Public Education.”

Sorveglianza, reti e vita quotidiana

IGSSIl primo libro dell’Italian Group on Surveillance Studies (IGSS), di cui faccio parte, sta per essere consegnato all’editore. Il lavoro è quasi concluso: mancano gli ultimi ritocchi, il lavoro di editing e i riferimenti incrociati tra i vari capitoli. È stato un lavoro molto interessante e stimolante che ha visto impegnati, per quasi un anno, cinque giovani ricercatori (precari) italiani in un lavoro di confronto, revisione reciproca, scambio di email con consigli e appunti, rimandi e commenti. Un lavoro che, come si dice in questi casi, non è il punto di arrivo, ma l’inizio di un lavoro di ricerca comune, aperto ad altri studiosi italiani, e che ci vedrà impegnati, pur tra mille difficoltà, in un insieme di discussioni, workshop e seminari, in Italia e all’estero.

Qui di seguito pubblico la parte introduttiva del mio capitolo, “Sorveglianza, reti e vita quotidiana”, aperta a commenti e critiche, nel migliore spirito del web 2.0.

L’ipotesi di fondo che percorre questo capitolo è che la sorveglianza online non solo integra la sorveglianza offline, ma questi due fenomeni tendono oggi a procedere di pari passo ed essere, in qualche misura, inscindibili. Un po’ per via del mutare del contesto sociale nel quale viviamo, un po’ per il mutare antropologico dell’essere umano occidentale (De Kerckhove 1996) sempre più impegnato a muoversi, lavorare, contestare, conoscere (in una parola a vivere) nella rete, online e offline sono sempre più fusi e confusi: due facce della stessa medaglia. E la sorveglianza si muove perfettamente tra le righe e gli interstizi di questi due “mondi” solo apparentemente distanti e distinti e sempre più interconnessi e dipendenti. Continue reading “Sorveglianza, reti e vita quotidiana”

Italian Group on Surveillance Studies

In occasione del I festival internazionale del diritto (Piacenza 25/28 settembre 2008) diretto dal Prof. Stefano Rodotà, si è costituito, sotto la supervisione e i consigli del Prof. David Lyon,  il gruppo di ricerca,  Italian Group on Surveillance Studies (IGSS)

Il professor David Lyon, uno degli ospiti del festival, ci ha invitato a tenere un workshop sul tema della sorveglianza, proprio con l’obiettivo di dare il via ad un gruppo di ricerca sulle tematiche legate alla sorveglianza.

Si è costituito così un gruppo di studio composto da ricercatori e studiosi italiani che si occupano di sorveglianza, con particolare attenzione alle nuove forme di sorveglianza e alle implicazioni sociali. Fa parte della rete internazionale di studi sulla sorveglianza di cui il Surveillance Project presso la Queens’ University, Kingston, Canada, rappresenta un punto di riferimento.

Il gruppo di ricerca è composto da (in ordine nella foto da sinistra verso destra):

Andrea mu Brighenti dell’Università di Trento

Massimo Ragnedda dell’Università di Sassari

Chiara Fonio dell’Università Cattolica di Milano

(Prof. David Lyon che evidentemente non fa parte del gruppo di ricerca italiano ma costituise il saldo punto di riferimento dei nostri lavori)

Monica Zuccarini dell’Università Federico II di Napoli

Davide Calenda Università di Firenze.

2008 Hixon-Riggs Forum on Science, Technology and Society

secure-beneath.jpgIl convegno a cui sono invitato a partecipare come relatore annovera tra le proprie fila autori del calibro di David Lyon, Gary T. Marx, James Rule, Elia Zuriek and many others.

È organizzato da Gary T. Marx (Emiritus of Sociology, MIT) che quest’anno è Hixon-Riggs Professor of Science, Technology and Society at Harvey Mudd College.

Il tema è quello della sorveglianza e del controllo sociale. Il programma, e i relatori invitati a parlare, è di altissimo livello. Io dovrei fornire, come chiave di lettura, il punto di vista italiano. In realtà l’Italia non sembra avere grandi particolarità nell’ambito della sorveglianza, così parlerò sia del caso inglese (ben più interessante) sia del pacchetto di idee presentato da Francor Frattini lo scorso 13 Febbraio al parlamento Europeo. Parlerò anche del progetto del ministero dell’immigrazione inglese, denominato IRIS (Iris Recognition Immigration System), dell’incredibile numero di CCTV presenti in Inghilterra (4.2 milioni) che riprendono in media 300 volte al giorno i cittadini inglesi.

Temo invece che non avrò tempo invece di esporre le mie idee circa la società dei controlli e il ruolo crescente che in essa giocano le multinazionali.