La rivoluzione di Aleppo è diventata un’altra cosa. Follia aiutare i terroristi

siria_1_autoCut_664x230Massimo Ragnedda (Tiscali) Le parole di Domenico Quirico, valoroso giornalista della Stampa rapito in Siria dai ribelli e liberato qualche giorno fa dopo cinque lunghissimi mesi di prigionia, ci devono far riflettere. «Ho cercato di raccontare la rivoluzione siriana – ha detto l’inviato speciale in Siria – ma può essere che questa rivoluzione mi abbia tradito. Non è più la rivoluzione laica di Aleppo, è diventata un’altra cosa».

Quell’altra cosa noi proviamo a raccontarla da più di un anno, da quando i jihadisti di tutto il mondo, dall’Europa agli Stati Uniti, dall’Asia all’Australia, sono giunti in Siria per combattere la loro guerra santa. Jihadisti finanziati ed armati dalle petromonarchie amiche dell’Occidente, Qatar e Arabia Saudita in primis. Quirico, che ha visto con i propri occhi questa metamorfosi, ha ragione quando ci ricorda che la guerra in Siria non è più quella rivoluzione laica di Aleppo che tutti agli inizi abbiamo salutato con speranza. Non lo è più perché i terroristi islamici non sono di certo interessati all’estensione dei diritti e alla democrazia. I terroristi islamici sono interessati a giustiziare gli “infedeli”, come i cristiani decapitati nell’antichissimo villaggio siriano di Maaloula. Maaloula non è una città qualsiasi e la sua storia risale a migliaia di anni fa: Maaloula è l’unico posto al mondo dove si parla ancora l’aramaico di Gesù ed è uno dei siti religiosi più antichi e importanti della cristianità. Qui si trova il Monastero di Santa Tecla, dove sono conservati i resti della santa cresciuta da san Paolo, e il Monastero di San Sergio, costruito nel VI secolo d.C. e rimasto intatto sino ad oggi. Maloula è una città monastica, da secoli meta di pellegrinaggi da tutto il mondo. Questo piccolo villaggio è stato da poco conquistato dai terroristi islamici e molti cristiani sono stati giustiziati, le chiese distrutte e agli abitanti è stato intimato di convertirsi all’Islam, pena la vita. Lo racconta bene Gian Micalessin, inviato di RaiNews24 e ancora più dettagliatamente Maria Finoshina inviata speciale di RT.

Continue reading “La rivoluzione di Aleppo è diventata un’altra cosa. Follia aiutare i terroristi”

Advertisement

I terroristi occupano Maloula, unico posto al mondo dove si parla l’aramaico di Gesù

maaloula1Maloula è un piccolo villaggio siriano, a prevalenza cristiano, da ieri occupato dai terroristi di Jabhat-al-Nusra e altre sigle vicine ad AlQaeda. Hanno saccheggiato monasteri, chiese, trafugato le icone storiche. Esigono, questi terroristi che l’Occidente chiama ribelli, che tutti gli abitanti si convertano all’islam. Maloula non è una città qualsiasi e la sua storia risale a migliaia di anni fa: Maloula è l’unico posto al mondo dove si parla ancora l’aramaico di Gesù ed è uno dei siti religiosi più antichi e importanti della cristianità. Qui si trova il Monastero di San Sergio, costruito nel VI secolo d.C, rimasto intatto sino ad oggi. Qui si trova il Monastero di Santa Tecla, dove sono conservati i resti della santa, figlia di un principe seleucide e cresciuta da san Paolo. Maloula è una città monastica, meta di pellegrinaggi da secoli. Maloula è caduta sotto le mani dei terroristi che l’Occidente arma e finanzia e l’80% dei suoi abitanti è già fuggito. Agli altri spetta una dura scelta: o si convertono all’Islam o saranno giustiziati. Ecco chi stiamo aiutando. Terroristi fanatici che portano avanti una guerra settaria. I poveri abitanti di Maloula hanno inviato una lettera ai membri del Congresso americano. Ma loro hanno già deciso: sarà guerra. Poi un giorno gli storici si chiederanno perché gli Stati Uniti si sono fatti trascinare in una guerra religiosa e hanno aiutato i fanatici terroristi ad eliminare i cristiani dal Medio Oriente, passati in qualche decennio, dal 25% al 5% della popolazione. La Siria era l’ultima società laica del Medio Oriente. L’Ultima.

Censura nel giorno della memoria

Riprendo e pubblico un commento di Katy perchè mi sembra importante riflettere su queste parole. Per questo mi sembra giusto dedicare a queste parole uno spazio più importante.

La realtà viene considerata come una cosa scomoda. Ieri si celebravano i trent’anni dalla morte per di Aldo Moro, e in contemporanea i trent’anni dall’omicidio di Peppino Impastato giornalista ucciso dalla mafia, del primo si è parlato molto e a ragione del secondo si è quasi taciuto, sui dieci telegiornali che ho visto solo due (su Rai Tre) parlavano della tragica concomitanza. Oggi sono venuta a sapere che anche sul discorso contro il terrorismo tenuto dal capo dello stato c’è stata una censura la Rai ha infatti tagliato il discorso fatto dal presidente dell’Unione Vittime Per Stragi Paolo Bolognesi. Lo allego qui di seguito perchè ritengo giusto che questo messaggio venga diffuso. Sono indignata di fronte a tanto cinismo e tanta indifferenza. A me sembra volontà di dimenticare e di farci dimenticare. Cancellare un pezzo così tragico della nostra storia è privarci della realtà. È un offesa per tutti coloro che sono morti perchè noi fossimo liberi. Continue reading “Censura nel giorno della memoria”